SETTIMANA BLU PANDA – Comunicato stampa WWF lancio evento –

COMUNICATO INVIATOCI PER CONOSCENZA DAL WWF:
Buongiorno a Tutti!

vi inviamo per conoscenza il comunicato stampa di lancio dell’evento concordato con il Comune di Monte Argentario che vi preghiamo di diffondere.

Rimango gentilmente in attesa di ricevere aggiornamenti sui volontari che con grande collaborazione e entusiasmo state cercando per la giornata del 7 luglio per le Calette.

Grazie e

 Un cordiale saluto

 Rita

 Rita Runza

Campagna Generazione Mare

E-mail: generazionemare@wwf.it

Tel. 0684497370

Cell. 3284372835

 

 

 

Comunicato stampa

 BLUE PANDA WEEK – SETTIMANA ECOLOGICA 

PER UN ARGENTARIO AMICO DEL MARE

Dal 3 al 7 luglio la vela WWF Blue Panda approda sulla costa toscana per la sua prima e unica tappa italiana

Iniziativa promossa da Comune di Monte Argentario e WWF per coinvolgere migliaia di turisti e cittadini anche nella lotta all’inquinamento da plastica 

Foto della barca e del suo equipaggio, Mappa del viaggio: 

cartella multimedia http://bit.ly/2Wqt3lK

 

Il 3 luglio la Blue Panda, la vela di 26 metri del WWF raggiungerà le coste dell’Argentario dopo una traversata di cinque giorni da Tolone per la prima delle cinque tappe nazionali contro l’inquinamento da plastica nel Mediterraneo. Dal 3 al 7 luglio migliaia di turisti insieme alla comunità locale del promontorio toscano dell’Argentario potranno vedere e visitare la Blue Panda e il suo equipaggio e saranno coinvolti in decine di attività all’insegna dello slogan della Campagna WWF : STOPPLASTICPOLLUTION.

Dalla pulizia dei fondali a quelle di spiagge e calette, dalle visite gratuite in Acquario alle “lezioni di mare” organizzate per i più piccoli: tutti saranno chiamati a condividere le esperienze e l’avvistamento lungo le coste della Blue Panda sui social con #bluepanda e a firmare la Petizione lanciata dal WWF per un Accordo globale vincolante wwf.it/petizione_plastica.cfm . L’emergenza plastica è planetaria ma colpisce in particolare il Mare Nostrum: quantità di plastica pari a 33 mila  bottigliette al minuto sono riversate nel Mediterraneo, 5 grammi la plastica che assumiamo ogni settimana attraverso cibo, acqua e aria e tutto per colpa di un’incapacità diffusa nell’intero bacino di gestire i rifiuti, come denunciato nell’ultimo report del WWF  – http://bit.ly/2RwvxK8

La scelta dell’Argentario per la Blue Panda non è causale: è un promontorio unico collegato alla terraferma da due strette lingue di sabbia (Tombolo di Giannella e di Feniglia, quest’ultima è Riserva Naturale) tra le quali è compresa la laguna di Orbetello, un’Oasi protetta e gestita dal WWF, meta di migliaia specie come fenicotteri, cavalieri d’Italia e il rarissimo falco pescatore. Per questi motivi è una meta turistica molto apprezzata. Come negli altri paesi che faranno parte del Tour, il WWF ha scelto alcuni dei siti più naturalistici più importanti del Mediterraneo, ma la cui bellezza è anche messa a rischio dalla concentrazione di turismo, traffico marittimo e inquinamento da plastica

IL PROGRAMMA (Vedi il PROGRAMMA completo su wwf.it/bluepanda )

In pochi giorni Comune di Monte Argentario e WWF hanno visto il programma della BLUE PANDA WEEK arricchirsi di iniziative grazie all’adesione entusiasta di tante associazioni locali, centri Diving, consorzi, gruppi velici e alla preziosa collaborazione della Guardia Costiera con cui il WWF ha un protocollo d’intesa sulla difesa del mare.

La maratona ecologica di eventi si aprirà la mattina di mercoledì 3 con un incontro pubblico sul tema della difesa dall’inquinamento da plastica. Per tutta la durata della Blue Panda Week i volontari WWF distribuiranno a turisti e diportisti depliant informativi e Vademecum con suggerimenti per ridurre il consumo di usa-e-getta,  accompagneranno i visitatori a bordo della Blue Panda, ormeggiata dal 3 luglio a Porto Santo Stefano (Molo Pilarella) e dal 5 luglio a Porto Ercole (Molo De Angelis), e saranno a disposizione accanto alla barca nello stand informativo per far conoscere meglio gli impatti della plastica sull’ambiente naturale e marino.

Fitto il programma educativo: per bambini e ragazzi ci saranno Lezioni di mare, svolte da educatori dell’Associazione ‘Occhio in Oasi’ tutti i giorni presso lo stand informativo, il  3 e il 4 anche nella sala Associazioni (Via dell’Archetto) di Porto Santo Stefano e dal 6 al 7 a Porto Ercole. Per due giorni le visite presso l’Acquario Mediterraneo dell’Argentario saranno gratuite con approfondimenti sul problema della plastica in mare.

Le attività #plasticfree vedranno pulizia dei fondali, 3 e 4 luglio, grazie a immersioni subacquee in alcune aree nei due porti e in un tratto di costa grazie alla collaborazione di tutti i Centri Diving di Monte Argentario con la guida di Consorzio Diving Santo Stefano e Consorzio Diving Monte Argentario. Venerdì 5 la Blue Panda veleggerà da Porto Santo Stefano a Porto Ercole: i diportisti saranno invitati a seguirla per brevi tratti e a condividere foto e immagini con l’#bluepanda. La maratona ecologica di eventi culminerà domenica 7 luglio con una grande iniziativa di Citizen conservation, unica nel suo genere: turisti e vacanzieri saranno invitati a impegnare una parte della loro giornata di mare a raccogliere i frantumi di plastica, la parte più insidiosa di questo tipo di inquinamento perché nascosto tra ciottoli e ghiaia e impossibile da eliminare se non con un grande impegno collettivo. All’ingresso di circa 10 di calette dell’Argentario volontari WWF, del GAT (Gruppo Argentario Trekking) e delle Proloco distribuiranno i sacchetti per la raccolta e depliant informativi. Nello stesso giorno bambini e ragazzi animeranno la spiaggetta di Porto Ercole con attività educative e pulizia dalla plastica grazie alla collaborazione della Parrocchia di S.Erasmo e San Paolo della Croce.

Abbiamo molto volentieri aderito alla preziosa iniziativa del WWF a testimonianza dell’impegno della nostra amministrazione nella tutela del territorio e dello splendido mare dell’Argentario. Confidiamo che la sensibilità verso i temi ecologici possa crescere sia tra la nostra popolazione che tra i nostri graditissimi ospiti – ha dichiarato Franco Borghini, Sindaco di Monte Argentario, “.

Siamo grati all’amministrazione di Monte Argentario per aver accettato di accogliere la Blue Panda e collaborare a questa manifestazione. Abbiamo scelto questo promontorio per la sua incredibile valenza ambientale e naturale, che lo vede anche come una delle porte del Santuario dei Cetacei – Pelagos. Crediamo che l’alta presenza di turisti che lo frequentano nel periodo estivo possa far crescere un’onda positiva di consapevolezza e di mutamento di comportamenti, a partire dai più piccoli, e porre le basi per una comunità plasticfree.  C’è bisogno di un enorme sforzo collettivo per far sì che i prossimi anni la natura, e soprattutto il mare e le sue specie, vengano liberate dalla plastica che la soffoca. Invitiamo tutte le persone a seguire la rotta di Blue Panda online e unirsi a noi nei numerosi eventi anche artistici che quest’anno animano in tutta Italia la nostra Campagna StopPlasticPollution” – ha dichiarato Donatella Bianchi, Presidente di WWF Italia.

La spedizione Blue Panda 2019

A giugno la barca a vela ha iniziato le sue attività con tre settimane di una ricerca scientifica a Pelagos, nel Santuario dei Cetacei, per comprendere a fondo le condizioni e il comportamento delle balene, con lo scopo di ridurre il rischio di contaminazioni da plastica e collisioni con le navi in quell’area. Da fine giugno Blue Panda lascerà il porto di Tolone (Francia) dando il via ad una spedizione che in sei mesi collegherà tra loro le coste di Italia, Francia,Turchia, Tunisia e Marocco.e raggiungerà alcune delle principali città turistiche costiere, tra cui i porti dell’Argentario, Nizza, Marsiglia, Istanbul, Tunisi e Tangeri, mobilitando persone e comunità locali nei confronti della minaccia dell’inquinamento da plastica nel nostro mare. A luglio, inoltre  la spedizione si fermerà nelle famose isole greche di Zante, Cefalonia e Itaca, dove il WWF sta effettuando una campagna contro le esplorazioni di gas e petrolio svolte dalle maggiori compagnie petrolifere.

Il Mediterraneo è una delle aree di conservazione prioritarie per WWF. WWF è presente in 13 Paesi della regione e si impegna a migliorare/sostenere le attività di pesca, proteggere habitat e specie marine, far fronte all’inquinamento da plastica e istituire una economia blu sostenibile in tutta la regione. Blue Panda contribuirà a rafforzare le attività di conservazione di WWF per assicurare un futuro al Mar Mediterraneo. 

Roma, 25 giugno 2019

Per informazioni: Cristina Maceroni – resp. Comunicazione Campagne di conservazione

WWF Italia – cell: 329-8315725

Ufficio stampa WWF Italia: 06-84497.332, 266

NOTE: 

  • Informazioni sulla barca: BLUE PANDA è una barca a vela Ketch a motore. La denominazione “Ketch” deriva da “catch” o peschereccio. L’imbarcazione è stata costruita nel 1987, è lunga circa 26 m e può ospitare fino a 12 persone in fase di navigazione. Al suo interno è equipaggiata con supporti tecnici per effettuare ricerca scientifica e attività di informazione e comunicazione (telecamere, droni, schermi e allestimenti espositivi).

 

° Il capitano, Stéphane Mingueneau, ha 25 anni di esperienza di navigazione e ha viaggiato per più di 250.000 miglia nautiche negli oceani di tutto il mondo. Stéphane è coinvolto con molte associazioni che impiegano l’avventura nautica come strumento di educazione, inclusione sociale e tutela dell’ambiente. La sua compagnia di navigazione è un’a impresa sociale che fornisce supporto educativo e riabilitativo a giovani da riabilitare socialmente  attraverso viaggi nautici.

  •   L’impegno di WWF nel Mediterraneo: 

WWF Mediterranean Marine Initiative è il programma marino di WWF che coordina 13 Paesi (Francia, Spagna, Italia, Grecia, Turchia, Slovenia, Croazia, Montenegro, Albania, Cossovo, Tunisia, Marocco e Algeria). Per molti anni WWF ha collaborato con le comunità locali di pescatori, coordinatori delle aree marine protette, scienziati, decisori politici e altre ONG. Entro il 2030, WWF ha la missione di condurre il settore della pesca verso la sostenibilità; aumentare la tutela di habitat e specie marine importanti; far fronte allo sviluppo delle principali attività industriali non sostenibili e bloccare l’inquinamento da plastica. Per sapere di più su WWF MMI: LINK

  • Il Mediterraneo:

Il Mar Mediterraneo è una delle aree più visitate al mondo, ma è anche il mare più sovrapescato in assoluto. Il suo bacino contiene una incredibile varietà di animali e specie vegetali, molti di loro endemici. E’ casa per una varietà di specie di squali, balene, delfini, tartarughe marine e per il pesce di maggior valore commerciale a livello globale, il tonno rosso. Ma questa ricchezza naturale è gravemente minacciata. La pesca illegale attualmente in corso, le esplorazioni e sfruttamenti di gas e petrolio, lo sviluppo urbano nella aree costiere, l’incremento del traffico marino, e l’inquinamento da plastica sono solo alcune delle minacce che rischiano di distruggere questo mare unico e le comunità locali che dipendono da esso.

DOMENICA 16 GIUGNO – TREKKING ISOLA DEL GIGLIO – DAL CASTELLO A CALA MONELLA ED AL PORTO

Il trekking che proponiamo domenica 16, come chiusura della stagione primaverile andrà da Giglio Castello a Cala Monella, passando vicino al faro che guarda a Nord, chiamato  Punta del Fenaio.  
 La partenza da P.S.Stefano è alle 7,30 con il traghetto della Toremar; all’arrivo a Giglio Porto, immediato trasferimento alla fermata del pullman per il Castello che parte alle ore 8,50.
Chi vuole può andare al Castello anche a piedi.     
 La camminata  è di circa 11-12 km totali, compreso il rientro al porto a piedi.Il traghetto per il ritorno è stabilitoalle 18,00.   
Per una migliore organizzazione logistica, chi viene  ha l’obbligo di prenotarsi, per sapere il numero dei partecipanti ed avere lo sconto di gruppo,
Confermare  a questo sito, improrogabilmente entro venerdì 14 alle 14.                                             
 Siete pregati di presentarvi con largo anticipo davanti alle biglietterie di P.S.Stefano, diciamo verso le 7,00.        L’ultimo tratto, per scendere e salire da Cala Monella è molto accidentato; obbligo di scarpe da trekking, racchette, cappello e molta acqua fresca.                  A Cala Monella , si può  fare il bagno, pranzo al sacco.                                                                                                       
Chi viene con noi per la prima volta, trova il modulo da scaricare e compilare su questo sito.

Il mare di Cala Monella

CAMMINI DI MAREMMA

A TUTTI GLI AMICI DEI “CAMMINI”

 

Si è tenuta lunedì 27 maggio 2019 alle ore 18, presso il Circolo ARCI di via Ugo Bassi a Grosseto, una riunione dell’Associazione “Cammini di Maremma” alla quale erano presenti i Soci: Angelini, Benvenuti, Fortini, Giuliani, Paoletti D., Paoletti S., Pettinari, Teodori e Turbanti. Hanno partecipato in qualità di graditi ospiti Andrea Agostini (Fonteblanda), Cesare Gennai (Monterotondo M.mo), Gabriella Graziani (Grosseto) e Daniela Teglielli (Scansano).

In avvio di riunione il presidente propone di invertire l’ordine del giorno, affrontando prima il resoconto sulle attività svolte e dopo le questioni interne all’Associazione. Non essendoci pareri contrari la proposta viene accolta e viene data la parola a Claudio Angelini che illustra in dettaglio i contatti avuti in giro per la Maremma con le Amministrazioni, gli Enti e le associazioni per proporre il nostro progetto, stabilire accordi, trovare consensi e disponibilità e, successivamente, nella fase operativa, presentare progetti sui quali richiedere il finanziamento dei Comuni, degli Enti, della Regione Toscana e della Comunità Europea, in relazione ai bandi esistenti o futuri.

Angelini mostra una carta dei cammini, predisposta in via di massima, con le denominazioni attribuite alle varie zone della Provincia, che viene allegata alla presente. Mostra anche il pannello preparato in occasione di incontri e convegni ai quali lo stesso ha partecipato in queste settimane.

Agostini, Gennai e Teglielli integrano le informazioni con riferimento alle loro zone di competenza. Angelini conclude ricordando l’iniziativa di un forum da tenere il prossimo autunno per il lancio pubblico delle nostre proposte e rinnova l’appello per coprire le zone nelle quali, al momento, non abbiamo riferimenti diretti.

Per parte sua il presidente riferisce sui contatti avuti con il sindaco di Monterotondo M.mo, incontrato con Gennai e che ha dimostrato ampia disponibilità (tra l’altro essendo anche stato rieletto domenica scorsa); con la Confartigianato di Grosseto per il progetto “Ciclopico” (ciclopista tirrenica di 1200 km. dalla Francia a Roma, di cui 550 km. in Toscana), di cui è capofila il Comune di Follonica. Si ricorda, inoltre, la nostra probabile partecipazione a Festambiente (questo anno dal 14 al 18 agosto) e al progetto “Trans-umanar” dell’Associazione teatrale Accademia Mutamenti per un percorso di 7-8 tappe (che andrà a regime nel 2021) sulle vie della transumanza da Anghiari (Arezzo) alla Maremma. E infine si ricorda che è attivo, anche se ancora in via di costruzione, il nostro sito internet www.cammnidimaremma.it

Si procede, quindi, sui successivi punti all’ODG. A seguito delle dimissioni presentate da Chiara Turbanti, si rende necessaria la sua sostituzione sia nel Consiglio Direttivo, che per la carica di vicepresidente.

Il presidente propone il nome di Fernando Teodori, che accetta, quale consigliere: la proposta è approvata all’unanimità.

Quindi l’Assemblea indica Claudio Angelini, che accetta, per la carica di vicepresidente: la proposta è approvata all’unanimità.

A seguito di tali nomine, il Consiglio Direttivo risulta così composto:

Nivio Fortini – Presidente

Claudio Angelini – Vicepresidente

Paoletti Susanna – Consigliera

Pettinari Franca – Consigliera

Fernando Teodori – Consigliere.

Sull’ultimo punto all’ODG il presidente propone di deliberare sui rimborsi spese spettanti ai soci per l’utilizzo della propria auto per missioni nell’interesse dell’Associazione, preventivamente autorizzate e verificate con cura. Si propone un rimborso di € 0,35 per chilometro percorso. La proposta è approvata all’unanimità.

Null’altro essendoci da discutere e deliberare, la riunione termina alle ore 19,30.

Un caro saluto a tutti

Nivio

Abbiamo ricevuto questa comunicazione da Nivio Fortini, neo presidente eletto del gruppo “Cammini di Maremma”
Giriamo a tutti i nostri iscritti la mail inviatoci;  notiamo che del consiglio direttivo fa parte anche i nostro socio storico Fernando Teodori, complimentandoci con lui, facciamo presente che pur non essendo presenti alla riunione fondativa, abbiamo sempre incoraggiato e sostenuto questa iniziativa.
Il Presidente                                                                                                      Il Segretario
Angela Della Monaca                                                                                      Andrea Loffredo

DOMENICA 2 GIUGNO – TREKKING DALLA SELVA DEL LAMONE AL LAGO DI MEZZANO

Domenica 2 giugno, abbiamo organizzato un trekking nella “Selva del Lamone” in un territorio al confine tra Toscana e Lazio,nel quale si è nascosto per anni il più famoso dei banditi maremmani,Domenichino Tiburzi; nel percorso saremo accompagnati dalle guardie della riserva.

Chi vuole partecipare deve inviare una mail di prenotazione entro venerdì 31 maggio; la partecipazione è gratuita, ma serve l’iscrizione al GAT.

L’escursione durerà circa 5/6 ore, per un percorso totale di 15 km; l’appuntamento è sulla piazza di Farnese alle 9,00, ed il trasferimento da lì alla partenza del percorso avverrà con i propri mezzi.

Sono obbligatorie scarpe ed abbigliamento da trekking primaverile,oltre ad una buona quantità di acqua. Pranzo al sacco.

Considerando che per andare da P.S.Stefano a Farnese ci vogliono 75/80 minuti circa, la partenza da P.S.Stefano è alle 7,30 dal Cantiere Navale, mentre da Orbetello, sarà alle 7,40 da Andreini Giocattoli.

Chi arriva da molto lontano (tipo Castiglione o Grosseto) può venire con la propria auto alla rotonda del Garabombo, per ricompattare le auto,verso le 7,50; chi invece si aggrega a Manciano, si faccia trovare alle 8,20 sulla rotonda, davanti all’ex hotel Rossi.

Chi viene con noi per la prima volta, trova il modulo da scaricare e compilare su questo sito

Nella foto, un tratto della selva del Lamone

DOMENICA 12 MAGGIO – TREKKING DALLA SELVA DEL LAMONE AL LAGO DI MEZZANO

Domenica 12 maggio, nell’ambito della giornata Europea dei parchi, abbiamo organizzato un trekking nella “Selva del Lamone” in un territorio al confine tra Toscana e Lazio,nel quale si è nascosto per anni il più famoso dei banditi maremmani,Domenichino Tiburzi;nel percorso saremo accompagnati dalle guardie della riserva.

Chi vuole partecipare deve inviare una mail di prenotazione entro giovedì 9 maggio; la partecipazione è gratuita, ma serve l’iscrizione al GAT.

L’escursione durerà circa 5 ore, per un percorso totale di 15 km; l’appuntamento è sulla piazza di Farnese alle 9,00, ed il trasferimento da lì alla partenza del percorso avverrà con i propri mezzi.

Sono obbligatorie scarpe ed abbigliamento da trekking primaverile,oltre ad una buona quantità di acqua. Pranzo al sacco.

Considerando che per andare da P.S.Stefano a Farnese ci vogliono 75/80 minuti circa, la partenza da P.S.Stefano è alle 7,30 dal Cantiere Navale, mentre da Orbetello, sarà alle 7,40 da Andreini Giocattoli.

Chi arriva da molto lontano (tipo Castiglione o Grosseto) può venire con la propria auto alla rotonda del Garabombo, per ricompattare le auto,verso le 7,50; chi invece si aggrega a Manciano, si faccia trovare alle 8,20 sulla rotonda, davanti all’ex hotel Rossi.

Chi viene con noi per la prima volta, trova il modulo da scaricare e compilare su questo sito.

Nella foto, un tratto della selva del Lamone

DOMENICA 12 MAGGIO – TREKKING NELLA SELVA DEL LAMONE

Domenica 12 maggio, nell’ambito della giornata Europea dei parchi, abbiamo organizzato un trekking nella “Selva del Lamone” in un territorio al confine tra Toscana e Lazio.
Per partecipare c’è bisogno di prenotarsi, per cui chi vuole partecipare, deve inviare una mail di prenotazione, considerando che bisogna essere iscritti al GAT e che  che per andare da P.S.Stefano a Farnese ci vogliono 70/80 minuti, la partenza da P.S.Stefano sarà alle 7,30 e da Orbetello alle 7,40, con auto propria.
Il termine per prenotare è per mercoledì 8 maggio; la prenotazione è gratuita.
Il programma

DOMENICA 28 APRILE – DA P.S. STEFANO AI RONCONALI ED ARRIVO IN PIAZZA PER LA FESTA

Domenica 28 aprile, partiremo da Via Spaccabellezze, per arrivare nei pressi della Torre dei Ronconali, e sostare un po’ lì, prima di scendere verso la piazza di Porto S.Stefano, passando dalle Crocine e Calagrande alta.

Ritrovo alle 8,45 di fronte al Cantiere Navale di Porto S.Stefano con partenza alle 9,00.

Chi viene da fuori cerchi di arrivare un pochino prima; lo aiuteremo a parcheggiare al meglio.

Trekking di 10/12 km con la salita finale per raggiungere i Ronconali, dura ed impegnativa. e durata totale all’incirca di 3 ore e mezzo. ma; lo aiuteremo a parcheggiare al meglio.

Al termine della camminata, chi vorrà, potrà approfittare della concomitanza con la Festa

di Primavera che si svolge nella piazza Porto S.Stefano, punto di arrivo del nostro trekking.

Ci sono degli stand popolari, dove si potranno gustare pesce fritto, salsicce e bruschette ad un passo dal mare.

Il luogo è molto bello e diversi camminatori locali iscritti al GAT, vi aderiranno.

C’è la solita raccomandazione di portare scarpe comode, possibilmente da trekking, racchette, cappello ed acqua abbondante.

Chi viene con noi per la prima volta, trova il modulo da scaricare e compilare su questo sito.

La Torre dei Ronconali vista da Capodomo e la locandina della festa